• 15 February 2013

    GdS – Open Gate Italia, Serie A indietro sui social media

    Col Real 150 gol in 149 gare Cristiano online è il più amato: batte anche Messi Tra le squadre vince il Barça, in Italia… Sneijder

    Il più forte è Messi, il più social è Cristiano Ronaldo. Nel dualismo di questa era calcistica CR7 si prende la sua rivincita in rete. Il portoghese – molto più icona – ha un seguito maggiore dell’argentino sia su Facebook (47,9 milioni di fan contro 37,8) che su Twitter (12,4 milioni di follower a fine agosto contro 500 mila di un profilo comunque non gestito da Leo) Clicking HereReal Madrid eBarcellona, non a caso, si contendono il primato dei social network a livello di club. Un Clasico 2.0 tra le due squadre col più alto fatturato al mondo. Blaugrana primi su FB con 34,4 milioni di appassionati, 3,3 in più delle merengue, e pure tra i cinguettii se sommiamo le versioni catalana e internazionale. Se, però, allarghiamo il raggio alle leghe, la Premier batte tutti. La differenza la fa un brand esportato in ogni angolo del pianeta.

    I team della massima divisione inglese mettono insieme 67 milioni di fan su Facebook, con sei squadre sopra quota un milione: il Manchester United con 27,1, poi Chelsea, Arsenal, Liverpool, Manchester City Tottenham. La Liga, invece, è una non-lega: Real Barcellona assorbono il 98% dei sostenitori virtuali.

    Questione di appeal 

    La Serie A è indietro. A livello di club, tra i top 10 d’Europa su FB ci sono Milan (quinto) e Juventus (nona). «Non ci sono solo gli stadi di proprietà – spiega Tullio Camiglieri, presidente di Open Gate Italia, che ha curato il monitoraggio -. La rete e i social media sono la nuova frontiera della comunicazione e del business del calcio. La competizione è globale, e non ci si può permettere di rimanere indietro anche su questo campo».

    I giocatori del campionato italiano hanno scarso appeal. Andato via Del Piero (con i suoi 3,2 milioni di fan su Facebook), Sneijder è il più seguito su Twitter, con 900 mila follower, lontanissimo dai vertici. La top 10 dei calciatori se la dividono Premier e Liga, con il sempre più emarginato (in campo) Kakà che si riscatta guadagnando la seconda posizione con ben 12,3 milioni di seguaci.

    Foto e video a go-go 

    Il Manchester United non ha un account ufficiale su Twitter perché ha deciso di indirizzare la propria comunicazione online attraverso il sito web e la pagina FB: pare che stia riconsiderando la scelta.
    Esiste poi un ampio ventaglio di strumenti che pure il calcio sta sfruttando. *Dalla condivisione di foto su Pinterest – apripista la Roma, seguita dal Liverpool – ai canali video di YouTube a Google+, dove sono entrate le solite spagnole e inglesi, ma anche Bayern, Borussia Dortmund, Werder Brema, Milan Juve. Google+ offre forse i maggiori spazi di crescita, grazie alla sua capacità di suddividere i membri tramite cerchie di amici e colleghi. Il tifo si conquista anche così.

    Marco Iaria – Gazzetta dello Sport