Skip to main content

Imprese? Ecco come possono diventare protagoniste della Green Economy

4 Luglio 2024

A proposito di inversione di paradigmi: dove sta scritto che le imprese devono necessariamente essere responsabili dell’inquinamento e non possano, al contrario, diventar esse stesse delle paladine dell’ambiente?

Ebbene, nell’epoca del cambiamento climatico, in cui ciò che fino a ieri era considerato fantascienza sta diventando realtà, le imprese possono diventare protagoniste della Green Economy rivisitando i loro modelli di business, con vantaggi non solo ecologici per l’ambiente ma anche economici.  Vediamo come…

Le pratiche sostenibili entrano nelle aziende

Efficientamento Energetico

L’integrazione di pratiche sostenibili all’interno delle aziende può avvenire attraverso diverse modalità, tra cui sicuramente la prima è l’Efficientamento Energetico che consiste nel ridurre il consumo energetico grazie all’adozione di tecnologie e prassi virtuose che consentono di abbattere le emissioni inquinanti e ridurre i costi. Nello specifico tali tecnologie ineriscono diversi ambiti:

  • Illuminazione: la semplice sostituzione delle antiquate lampadine tradizionali con luci al LED determina una riduzione immediata dei consumi energetici che può arrivare al 75%.
  • Climatizzazione: l’introduzione di impianti di climatizzazione – riscaldamento, ventilazione e raffreddamento – efficienti e di ultima generazione è essenziale nell’abbattimento dei costi energetici e delle emissioni inquinanti. Anche perché un impianto innovativo avrà bisogno di meno energia per funzionare.
  • Infissi: la sostituzione dei vecchi infissi con infissi nuovi e della più alta classe energetica è utilissima per preservare le temperature desiderate con un conseguente, notevole risparmio energetico. Infissi all’avanguardia, permettono di mantenere gli ambienti più caldi in inverno e più freschi d’estate; inoltre, rappresentano anche un utile barriera in caso di inquinamento acustico.
  • Domotica: adottare sistemi digitalizzati e centralizzati per il monitoraggio e il controllo dei consumi è un altro metodo ottimale per ridurre gli sprechi energetici.
  • Fonti energetiche: chiaramente, integrare le fonti di energia tradizionali con gli equivalenti rinnovabili, come i pannelli solari, rappresenta una soluzione ideale per ridurre la dipendenza dalle fonti fossili, tagliare le emissioni inquinanti e i costi energetici a lungo termine.

Supply Chain Sostenibile e riduzione dei rifiuti

Oltre all’efficientamento energetico, altre pratiche vincenti per rendere un’impresa sostenibile riguardano: la scelta dei fornitori e la riduzione dei rifiuti.

Nel primo caso lo scopo è creare una Supply Chain Sostenibile, ovvero caratterizzata dalla trasparenza e dalla riduzione delle emissioni di carbonio, lungo tutte le fasi della filiera di approvvigionamento. Nel secondo caso, la riduzione dei rifiuti implica un’ottimizzazione dei processi produttivi caratterizzata dal riciclo e dal riutilizzo dei materiali.

La Responsabilità Sociale di Impresa

Inoltre, la sostenibilità a livello aziendale si declina anche sotto forma di CSR, acronimo che sta per Responsabilità Sociale d’Impresa. Una pratica che si sta diffondendo sempre di più tra le aziende che cercano di operare in modo etico e sostenibile. La CSR si può esercitare attraverso diverse modalità, oltre il semplice rispetto delle normative, con l’obiettivo di creare valore per la società e l’ambiente. In particolare, i principali ambiti di intervento della CSR sono sociale, ambientale e di governance.

In ambito sociale la CSR si esplica con pratiche che implicano la promozione del benessere dei dipendenti, il supporto alle comunità locali e il miglioramento delle condizioni di lavoro lungo la supply chain. A livello ambientale la CRS si può esercitare riducendo l’impronta ecologica dell’azienda, adottando pratiche di protezione delle risorse naturali e partecipando alla lotta al cambiamento climatico. Infine, a proposito di governance, la CRS si manifesta attraverso la trasparenza nelle operazioni aziendali, l’adozione di pratiche di gestione etiche e il coinvolgimento degli stakeholder nelle decisioni d’impresa.

Green Economy una scelta vincente Da questo rapido excursus emerge come per le aziende diventare protagoniste della Green Economy sia un processo virtuoso e conveniente che aiuta a ridurre i consumi e, di conseguenza, a massimizzare i profitti. Tutto questo non solo migliora notevolmente le performance a livello energetico, logistico e gestionale, ma anche in termini di reputazione. Oggi, infatti, i consumatori sono molto più attenti e consapevoli nelle loro scelte, conoscono la Responsabilità Sociale di Impresa (come provato anche dal caso Balocco che ha travolto la fama di Chiara Ferragni). In particolare, le statistiche dimostrano che i clienti preferiscono prodotti a impatto zero, ecologici; scelgono le aziende etiche che tutelano e rispettano i dipendenti, oltre che l’ambiente e prediligono le imprese trasparenti che dichiarano la provenienza e le modalità di realizzazione dei loro prodotti e, ove presenti, eventuali finalità di beneficenza degli stessi.

Ludovica Palmieri

Condividi questo articolo: