Indagine conoscitiva della Camera in merito alla transizione verso il 5G ed alla gestione dei big-data. PILLOLA_OGI_#3_L’AUDIZIONE DI WIND TRE

20 Marzo 2019

Pillola OGI_#3_WIND TRE
L’AUDIZIONE DI WIND TRE

All’audizione conoscitiva della Camera, i rappresentanti di Wind Tre hanno affermato che il profilo degli investimenti non è cambiato. Nell’ultimo decennio, infatti, sono stati investiti 7 miliardi di euro l’anno, nonostante la forte competizione sui prezzi. Inoltre, nello stesso periodo, si è verificato un calo dei ricavi. Negli ultimi 10 anni l’industry ha perso quasi 8 miliardi di euro; lo stesso discorso si è registrato per i margini, che sono strutturalmente in calo.

Il traffico dati è aumentato di 5 volte nel settore del fisso ed di 13 volte in quello dei dati mobili. Gli operatori hanno dovuto fronteggiare l’obbligo di fatturazione mensile; la cancellazione del roaming internazionale e le disposizioni circa la conservazione dei dati. L’Italia è l’unico Paese in Europa che conserva tutto il traffico dati, chiamate e tentativi di chiamata, per 6 anni.

Sperimentazione 5G

Wind Tre ha ricordato l’impegno nella sperimentazione 5G di Prato – L’Aquila, che ha aggiunto alle applicazioni solitamente abilitate dall’infrastruttura 5G, alcune soluzioni, estremamente innovative, per il monitoraggio strutturale dei palazzi e l’agricoltura di precisione.

Big data

I portavoce di Wind Tre hanno affrontato il tema dei big datacon particolare riferimento alla gestione, responsabile e sicura, dei dati. Per garantire la massima tutela della privacy dei propri clienti, l’azienda compie ingenti investimenti in infrastrutture e sistemi applicativi. Ed, in questo ambito, ha sottolineato la differenza con  gli over the top che devono rispondere ad una regolamentazione decisamente più snella. Secondo l’Operatore, tale asimmetria dovrebbe essere riequilibrata attraverso l’intervento del Governo e dell’Autorità di regolamentazione.

Occupazione

Sul fronte dell’occupazione, Wind Tre ha segnalato l’esigenza di un ricambio generazionale. Per evitare eventuali conseguenze negative, l’Operatore ha messo a punto dei processi interni di reskilling e retraining. Tali procedimenti dovrebbero essere sostenuti da Governo e Parlamento tramite un disegno di sostenibilità occupazionale. Anche perché, dati i forti investimenti effettuati dalle telco per l’acquisizione delle licenze, adesso sarebbe opportuno che lo Stato offrisse un supporto alle aziende in termini di sostegno agli investimenti e all’occupazione. Come degli incentivi di settore sotto forma di credito d’imposta, parametrato al volume e all’accelerazione del profilo degli investimenti eseguiti. Infine, anche Wind Tre, ha auspicato un allineamento del forte divario europeo dei limiti elettromagnetici, fra la legislazione italiana e quella europea.

DOMANDE E OSSERVAZIONI DA PARTE DEI MEMBRI DELLA COMMISSIONE:

Partner tecnologici

Dato il blocco subito recentemente da ZTE, a causa cyber security, da parte di Stati Uniti e Giappone, la Commissione ha chiesto se si siano verificati ritardi nell’implementazione delle reti e, in caso, se si stiano vagliano delle soluzioni per limitarli.
Wind Tre ha confermato che nel 2018, una sentenza del Dipartimento del commercio degli Stati Uniti ha determinato uno stop di 5 mesi per ZTE.  Ma, l’attività, che stava procedendo a pieno ritmo, è ripresa immediatamente con la rimozione del divieto. In più, nel processo di consolidamento della rete 4G sono impegnati due fornitori. La conclusione è prevista per la fine del 2020.

5G e Occupazione

La seconda osservazione della Commissione ha fatto riferimento agli impatti positivi del 5G sul mondo del lavoro, senza escludere la possibilità che l’adozione della nuova tecnologia possa penalizzare alcune categorie di lavoratori. Sottolineando l’importanza di trovare preventivamente gli opportuni ammortizzatori  per risolvere gli eventuali problemi in ambito politico.
A tal proposito, Wind Tre ha ribadito di aver avviato da tempo un grande processo di retraining e reskilling, ovvero di formazione e consolidamento delle competenze. Aggiungendo la necessità di un fondo a sostegno all’occupazione, dal momento che la formazione rappresenta un fattore fondamentale per tutto il settore TLC.

Privacy

In materia di privacy dati, la Commissione ha voluto conoscere le misure adottate da Wind Tre per l’anonimizzazione dei dati e se sia possibile implementarle.
L’operatore ha risposto che le procedure interne e gli algoritmi sono blindati, mentre ha ribadito l’esigenza di saldare la citata asimmetria tra le norme sulla privacy che gravano sulle Telco e quelle, molto meno stringenti, che ineriscono gli OTT, over the top.

In conclusione, Wind Tre ha fatto presente la necessità di creare un sistema Paese in cui le imprese possano essere avviate con maggiore probabilità di successo. Anche perché, l’introduzione della tecnologia 5G rappresenta un’enorme possibilità di crescita per aziende, Governo e cittadini.

Gaetano Pellegrino

 

Condividi questo articolo:
  • Open Gate Italia
  • OGI News
  • Tecnologia
  • Indagine conoscitiva della Camera in merito alla transizione verso il 5G ed alla gestione dei big-data. PILLOLA_OGI_#3_L’AUDIZIONE DI WIND TRE
Open Gate Italia Srl | Via Cesare Beccaria 23, 00196 Rome | VAT IT09992661000 | REA RM-1202504 | authorized capital 111.111,00€
Developed by Thinknow